31 gennaio 2012

Altro che curriculum! Inventati il tuo lavoro


   Potrebbe essere lo slogan perfetto per qualche pubblicità, del tipo “La crisi è una grande opportunità! Il lavoro inventatelo tu...altro che curriculum”. Una pubblicità simile andrebbe di pari passo con quella della banca con la tipa che si arrampica a sistemare la bandiera italiana...ma perfavore!!! Noi italiani saremo un po’ p***a ma non così imbecilli da investire i nostri soldi in qualcosa con la scusa che è italiano e ci sostiene.

   In effetti chi è “legato” al nostro governo ha un rapporto molto stretto con le banche, quindi investendo nelle banche sosterremmo il nostro paese o il nostro governo? O tutti e due? Che confusione...

   Torniamo a noi...

  Nella mia “più o meno” ricerca del lavoro perfetto sono in molti a consigliarmi di “inventarmi” un lavoro. Grazie al c***o ma cosa??? Cosa???

  Non è che se penso di fare qualcosa, automaticamente mi metto a farla e guadagno pure. Non è assolutamente facile ma sarebbe la soluzione migliore.

   Orari scelti da me, il mio posto di lavoro sarebbe il mio portatile, la mia segretaria sarebbe il mio i-phone e avrei anche un assistente d’eccezione e assolutamente unico nel suo genere...il mio cane!

   Ma cosa potrei fare?
A me piace leggere...scrivere...guardare film e telefilm...disegnare (anche se ormai temo di aver perso la mano)...come potrei unire queste mie passioni? Ampliare il mio blog con recensioni varie? Non sarebbe male ma ce ne sono tantissimi e di molto validi, come Tazzina di Caffé che vi raccomando...

   Potrei cercare dei siti con cui collaborare e scrivere per loro, il problema è che quasi tutti offrono la “gloria”, anche perché a loro volta non hanno fondi a disposizione.

  Potrei cercare di aumentare le visualizzazioni del blog e “guadagnare” con la pubblicità, ma non voglio trasformare il mio povero sito nella strip di Las Vegas.

   Il periodo certo non è dei migliori e di incentivi ce ne sono pochi, mentre le spese...quelle aumentano!

   Nel mentre un lavoretto l’ho trovato. Non è “culturale”, non è letterario e non è nemmeno “normale” ma lo stipendio c’è. Al momento me lo tengo stretto ma continuerò a spremermi le meningi, come Winnie Pooh, per inventarmi un lavoro perfetto!

   Pensa...pensa...pensa...

20 commenti:

  1. ... Cara Beki sono del tutto d'accordo con te! Leggendo la prima parte del tuo articolo mi sono detta: " ma l'ho scritto io senza accorgermi?" perchè è la stessa cosa che penso ogni volta che vedo quella maledetta pubblicità e ogni volta gli insulti che si becca sono tanti! Comunque non abbatterti continua a cercare e vedrai che arriverà il lavoro adatto a te! La speranza è l'ultima a morire anche se ultimamente sta iniziando a prenderci per il culo (perdonami il termine) un pò troppo spesso!!! Io sono con te!!! un bacio ;D

    RispondiElimina
  2. Meno male...pensavo di essere l'unica pazza a pensarlo!!!
    Comunque chi vive sperando muore c*****o dice sempre una mia cara amica ;) allora...al posto di sperarci a sto giro ci provo!!! E vedremo cosa succederà :)
    Grazie mille per il commento e per l'immenso appoggio...
    Grazie e smack!

    RispondiElimina
  3. Ciao BR, esperienza personale. Gli ultimi due ragazzi collaboratori in ufficio sono entrati con la mansione di segretario/a gestionale, DDT, Fatture ecc. A partire da questo minimo basilare si sono reinventati all'interno dell'asienda e sono diventati miei alter-ego anche nel prendere determinate decisioni e/o sottopormi possibili linee di sviluppo. Ho avuto anche esperienze negative. Di norma comunque preferisco persone che carichino sulle loro spalle un tot di inventiva e che caratterizzino il nostro lavoro con la loro personalità e il loro spirito di iniziativa. E' un'idea su come muoverti appena si apre una porticina. Ciao Roberto Mattiazzi

    RispondiElimina
  4. Wow grazie Roberto per il prezioso consiglio :) al momento nel mio attuale lavoro (segretaria di un demolitore) inventiva non se ne vede molta :( ma mi sono candidata per un posto di centralinista/receptionist presso una grande azienda che ha anche un bel settore creativo. Mi hanno parlato molto bene di questo posto e spero di essere selezionata almeno per il colloquio...dita incrociate!!!
    Grazie ancora!!!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Per esperienza personale non consiglio di collaborare con i siti, non perche' non siano affidabili, ma perche' non essendo un vero e proprio contratto ti chiedono sempre di piu' e molto spesso ti pagano una miseria. Certo, meglio che niente, ma per me era diventato troppo impegnativo soprattutto per quanto riguardava gli argomenti, gli articoli e anche la ricerca di immagini senza copyright (insomma, ti pagano 1 euro a pezzo ma.. capisci a me!).

    RispondiElimina
  7. Che barba!!!!!!!! Staremo a vedere cosa ci riserva sto c***o di futuro ;)
    Oggi mi sento sboccata..ops!
    Grazie del commento...un abbraccio :)

    RispondiElimina
  8. Qua in Italia non c'è ormai posto per nessuno, vedo gente laureata anche con buoni voti arrivar a lavorare nel call center assieme a me che prendo il diploma alle serali( con il piccolo sogno di laurearmi anche io)... e loro già sono fortunati a far quel minimo!

    http://anafleotoclo.blogspot.com/

    RispondiElimina
  9. Oh mamma il call center...ho lavorato in uno qualche anno fa ed è stata un'esperienza traumatizzante!!! il mio responsabile era uno schiavista senz'anima, potevamo andare in bagno solo durante la pausa e dovevamo proporre i contratti anche ai defunti :(
    Ti giuro che ancora oggi ho il panico quando devo fare una telefonata...
    Comunque tornando a noi...il periodo fa schifo e molte ditte se ne approfittano...e noi ne facciamo le spese!
    Ti dicono di inventarti un lavoro, essere imprenditore di te stesso ma come fai senza soldi?
    Ci sono giorni in cui mi sembra di non vedere vie d'uscita ma dobbiamo continuare a essere positivi e a credere nelle nostre capacità...credo...spero...forse!
    Grazie del commento :) a presto

    RispondiElimina
  10. Che interessante blog! adessochefaccio?
    per il momento io parto via lontana da questa Italia che mi ha divorata nel mare delle delusioni. però ti seguirò! la forza del web!

    Blue

    RispondiElimina
  11. Ciao Blue!
    È un piacere conoscerti e sapere che ti piace il mio blog :)
    Ultimamente l'Italia sta deludendo un po' tutti..cmq...
    Che avventura la tua!! Dove ti trasferisci di bello???? Sono curiosissima :)
    Un mega in bocca al lupo e facci sapere come va!!
    Grazie ancora ;)

    RispondiElimina
  12. Inventarsi un lavoro è la cosa più sensata. Certo tu pensi .. cosa?????

    Pensa a qualcosa che ami fare. Vedi se riesci a portala a termine.

    O meglio ancora: pensa in grande.

    Ciò che conta è la creatività, gli strumenti li troverai se sarai convinta e tenace.

    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  13. CREPI!!!
    Dici che potrei essere pagata per guardare film e telefilm??? Potrei diventare tester cinematografico ;)
    Scherzo :)
    Al momento ho un progetto in mente che spero di realizzare :) tieni le dita incrociate per me!!!!!!!! Sperando che la mia indole pigra non abbia il sopravvento......
    Grazie per la visita :) e mi raccomando...ritorna ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao da un artigiano che di idee per la testa ne girano peccato che servirebbero più persone per portarlo avanti e ti dirò di più sempre girando per siti ci sarebbe anche il modo per autofinanziarci provo a vedere se mi cancellano se metto mail isopaz_d @ libero .it

      Elimina
  14. Il titolo di questo blog mi ha subito colpita, causa-ahimé- perfetta immedesimazione nella domanda del secolo. Se potessi inventarmi un lavoro, temo che possa essere pericolosamente simile al tuo! Nell'attesa che si ufficializzi un Albo dei blogger...vi invito a fare un giro sul mio neonato!

    RispondiElimina
  15. Ma grazie mille!! Che onore :) E in bocca al lupo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi!!!!!!!!!!!! E ancora complimenti a te :)

      Elimina
  16. Un blog... Lo faccio da anni, probabilmente nel modo sbagliato per ottenere "successo". Ma alla fine conta anche avere la possibilità di coltivare la propria passione... anche questo conta. Per il lavoro ormai non faccio altro che sperare che in futuro le cose vadano meglio.....!

    RispondiElimina
  17. Ciao a tutti! Io credo che bisogna distinguere tra inventarsi un lavoro che ci soddisfi e inventarsi un lavoro dove non si fa niente. Guarda caso trovo sempre personaggi che ambiscono a fare il solito lavoretto da casa, comodamente seduti davanti al portatile, senza stress, senza capi che rompono, senza fretta e lavorando senza orari.
    Quanto si guadagna scrivendo su uno o più blog in rapporto al tempo da dedicarvi? Quanti centesimi guadagnamo per ogni clic sui banner pubblicitari ospitati? Qaunte ore bisogna passare a filmare il vostro gatto per caricare video divertenti su youtube? Penso che sia più remunerativo e lasci più tempo libero andare la sera a fare le pulizie negli uffici. Eh già, però si fa fatica. E poi che diranno amici e parenti che ti sei laureata per fare le pulizie? Il call center si, quello va bene, perché anche se sei sfruttata è un lavoro dignitoso.
    I soldi si guadagnano in tre modi: o si sudano, o si rubano, o s sposano.
    Poi contiamo che oggi c'è un esercito di laureati in Scienze della Disoccupazione che pur sapendo che con quella facoltà un lavoro non te lo troverai mai o sarai precaria a vita, insiste a voler andare a fare l'antropologa in Zaire o la biologa marina in Nuova Zelanda... Poi l'unica cosa che trovano è un contratto di tre mesi al call center...

    RispondiElimina
  18. A mio avviso il modo migliore per inventarsi un lavoro è quello di creare un attività basata sulle proprie passioni, cioè quello che realmente ci piace fare, a quel punto non si parla più di lavoro ma di un modo di guadagnare soldi lontano dagli schemi classici della società moderna, cioè le 8-10 ore al giorno, i weekend passati nei centri commerciali e i soldi spesi per cose inutili. In questo modo è possibile inventarsi un lavoro semplicemente ridefinendo il concetto di lavoro, che come oggi è impostato, è solo uno sfruttamento di massa delle persone da parte del sistema.

    RispondiElimina

Ti potrebbe interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...